Breaking News
Home / Storia / Musica / Canzone scritta da Giovanni CAPURRO musicata da Salvatore Gambardella

Canzone scritta da Giovanni CAPURRO musicata da Salvatore Gambardella

Canzone scritta da Giovanni CAPURRO musicata da Salvatore Gambardella

I
‘O pprincipio d’ ‘o Cavone,
addò steva ‘o pizzaiuolo,
llà sta ‘o capo pizzaiuolo,
non putite mai sbaglià.
Quanno sforna chelli pizze,
saglie ‘addoree p’ ‘o quartiere!
Ma che pizze! So ‘pastiere,
sfuglitelle? ma che so’?
P’otte solde sulamente
se po’ fa’ ‘e quatto manere,
pe’ ‘na mamma è ‘nu paciere,
quanno ‘a sparte fa accussì:
‘a nennella cu ‘a pummarola,
‘o nennillo c’ ‘o ciceniello,
‘o cchiù gruosso c’ ‘o fungetiello,
ll’ ato riesto s’ o’ vvede mammà.
II

Quann’ è ‘a festa,’a princepala
pe’ ‘mpastà scenn’essa apposta.
Llà nce vo’ ‘na forza tosta
nfaccia ‘a martola a ‘mpastà.
“Princepà,comme ‘a tenite?”.
Ve risponne:”‘A tengo chiena”
cu na grazia ch’ è na pena
pe’ chi passa e adda sperì!
P’otte solde sulamente
se po’ fa’ ‘e quatto manere,
pe’ ‘na mamma è ‘nu paciere,
quanno ‘a sparte fa accussì:
‘a nennella cu ‘a pummarola,
‘o nennillo c’ ‘o ciceniello,
‘o cchiù gruosso c’ ‘o fungetiello,
ll’ ato riesto s’ o’ vvede mammà.

III

Chi se mmocca ‘o primmo muorzo,
fosse pure ‘nu barone,
nun ‘o lassa ‘o curnicione,
chi nun crede adda pruvà.
Vì che t’esce ‘a chillu furno!…
So’ caruofane ‘sti ppizze!
Ma che sciure! che bellizze!
quanto è certa ‘a libbertà.
P’otte solde sulamente
se po’ fa’ ‘e quatto manere,
pe’ ‘na mamma è ‘nu paciere,
quanno ‘a sparte fa accussì:
‘a nennella cu ‘a pummarola,
‘o nennillo c’ ‘o ciceniello,
‘o cchiù gruosso c’ ‘o fungetiello,
ll’ ato riesto s’ o’ vvede mammà.

 

Gruppo Pizza Napoletana

About Davide Esposito

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: