Breaking News
Home / Articoli / “Il Sale uccide il lievito” Sfatiamo il falso mito

“Il Sale uccide il lievito” Sfatiamo il falso mito

Il cloruro di sodio (Sale), che viene inserito nell’impasto, varia dall’ 1,7 al massimo del 2% rispetto al peso totale dell’impasto, in commercio vi sono diversi tipi di sale.

Il sale è l’ingrediente di notevole importanza in quanto svolge molteplici funzioni oltre a migliorare le caratteristiche sensoriali e gustative, agisce sulla composizione del glutine, aumentando lievemente la croncattezza superficiale e l’imbrunimento del cornicione prodotto, rendendo l’impasto nel complesso meno appiccicoso, donando maggiore compattezza e lavorabilità.
Detto ciò andiamo a sintetizzare nelle varie discussioni dei forum,  quando e in che quantità il sale distrugge il lievito, è solo una questione di matematica.
Introducendo una piccola quantità di sale nell’impasto massimo allo 0,5% vi è una stimolazione molto alta dell’attività delle cellule del lievito, mentre una quantità di sale superiore allo 0,5% rallenta lo sviluppo delle cellule favorendo la plasmolisi portando la riduzione del volume e il conseguente distacco della membrana plasmatica dalla parete cellulare, causando in primis la perdita di  turgore cellulare cioè la pressione esercitata dal contenuto di una cellula vegetale e in secundis poi la morte della cellula stessa.
 
Esempio:

Per quanto riguarda nello specifico le dosi e le modalità del sale necessari negli impasti per Pizza napoletana, sono le seguenti:

  gr. 1,5/3% x 1 Kg. di farina = 15/30 gr . La media delle pizzerie utilizza 45/50 g x litro

Molte pizzerie famose di Napoli, uniscono il sale e lievito insieme, mentre altre aggiungono nella fase finale dell’impasto per i seguenti motivi:

  • Ritarda l’ossidazione dell’impasto
  • Influenza la durata e la conservazione del prodotto.
Buona lievitazione!
A voi i commenti

 

 

Gruppo Pizza Napoletana

About Davide Esposito

Check Also

La pizza fritta “a ogge a otto” “Mangiate oggi e pagate dopo otto giorni. Venite, venite”

La pizza fritta  “a ogge a otto” “Mangiate oggi e pagate dopo otto giorni. Venite, …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: