Quale sale scegliere per l’impasto della pizza?

Quale sale per l’impasto?

Spesso vedo pizzerie utilizzare il sale iodato, ma quale è preferibile scegliere?

Sale iodato, un comune sale da cucina cui è addizionato artificialmente dello iodio sotto forma di ioduro o iodato di potassio. Le quantità aggiunte sono scelte e standardizzate in base allo stato nutrizionale della popolazione; in Italia, per esempio, ogni chilogrammo di sale iodato contiene 30 mg di iodio (con tolleranza +40% -20%).

Il sale comune che si trova in commercio, detto anche salgemma, è formato per la maggior parte da cloruro di sodio, la cui percentuale aumenta dopo la raffinazione e può arrivare al 96-97%.

Il sodio è un minerale da assumere con moderazione, in particolar modo da chi soffre di ipertensione. Al contrario, il sale integrale, quello marino, è più ricco di minerali diversi dal sodio, come lo iodio, il rame, lo zinco e il bromo, la cui presenza riduce la percentuale di cloruro di sodio presente. Possiamo quindi ridurre il nostro consumo poiché il sale integrale marino sala di più a tutto vantaggio del nostro benessere.

Preferire il sale classico marino, “salgemma” per l’impasto della pizza napoletana, è la scelta migliore.

 

 

Pizza Napoletana

About Davide Esposito

Check Also

Pizza a lievitazione Armonica: Lievitazione a tempo di musica

Girovagando su Internet ci siamo imbattuti in una affascinante ricerca che abbraccia tutto il mondo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *